Il nostro sito utilizza cookie tecnici necessari a rendere semplice l'uso dei nostri servizi ai nostri visitatori. Vengono inoltre utilizzati link e componenti di terze parti che potrebbero a loro volta generare cookie dei quali non possiamo essere responsabili. Premere su 'OK' oppure continuare la navigazione nel nostro sito comporterà la prestazione del consenso all'uso dei Cookie. Per saperne di più.

Accetta
Biblioteche d'autore.jpg

Novità e informazioni

  • Docente universitario, anglista, storico dell'arte, saggista, poeta (Milano 1930 - 2001)

Roberto Sanesi nasce a Milano; inizia la propria attività letteraria e di critico d'arte nel 1951 nell'ambito della rivista "Aut Aut", diretta da Enzo Paci. Nel 1957 fonda le Edizioni del Triangolo e, negli anni '60, la collana Piccola Fenice per l'editore Guanda. Anglista di fama, ha curato le edizioni di diversi autori inglesi e americani (tra gli altri T. S. Eliot, Dylan Thomas, Blake, Crane, Milton, Shelley), e alcune importanti antologie, tra cui Poeti inglesi del '900 (1960) e Poeti metafisici inglesi del Seicento (1961, 1976, 1990). Si è occupato di teatro in varie forme, collaborando con la Piccola Scala e il Piccolo Teatro di Milano, e curando per la Radio Svizzera Italiana adattamento e regia dell'Enrico V e del Riccardo III di Shakespeare e del Doctor Faustus di Marlowe; è autore del libretto d'opera Da capo, con musica di Gaetano Giani Luporini. Dagli anni '60 realizza opere di "scrittura visuale", esponendo in Italia e all'estero. Dal 1970 al 1975 è stato direttore artistico di Palazzo Grassi a Venezia.
Tra le sue raccolte poetiche: Il feroce equilibrio (1957), Rapporto informativo (1966), L'improvviso di Milano (1969), Alterego & altre ipotesi (1974), La cosa scritta (1981), Recitazione obbligata (1981), Téchne (1984), La differenza (1988), Senza titolo (1989), Mercurio (1994); tra le prose creative: La polvere e il giaguaro (1972), Carte di transito (1989).

La biblioteca di Roberto Sanesi consta di 6.500 volumi monografici, spesso fittamente postillati e interfoliati con appunti di pugno dell'Autore, articoli di giornale e lettere. Sono altresì presenti 430 fascicoli di periodici, per complessive 160 testate. La raccolta, acquisita dal Centro Manoscritti nel 2006 e attualmente in fase di trattamento catalografico, documenta con singolare ricchezza e varietà di accenti i molteplici interessi culturali del possessore, che spaziano dalla letteratura anglo-americana (testi e saggi), alla storia dell'arte, in particolare contemporanea (notevole la raccolta di cataloghi di mostre di artisti contemporanei), alla teoria e tecnica della traduzione (vi sono attestati numerosi esemplari di classici della letteratura in lingua inglese tradotti dall'Autore in italiano, nonché tradotti da altri nelle principali lingue occidentali).

Vai al catalogo

 

Salva

Salva

Centro per gli studi sulla tradizione manoscritta di autori moderni e contemporanei
Strada Nuova 65 – 27100 Pavia, tel.: +39 0382 984483, fax: +39 0382 984641
mailto:fondo.manoscritti@unipv.it

Aggiornamenti a cura di Gabriele Rossini