Il nostro sito utilizza cookie tecnici necessari a rendere semplice l'uso dei nostri servizi ai nostri visitatori. Vengono inoltre utilizzati link e componenti di terze parti che potrebbero a loro volta generare cookie dei quali non possiamo essere responsabili. Premere su 'OK' oppure continuare la navigazione nel nostro sito comporterà la prestazione del consenso all'uso dei Cookie. Per saperne di più.

Accetta

Novità e informazioni

Nel settembre 2018 il poeta Gabriele Zani [Cesena, 1959-] ha donato al Centro Manoscritti il suo epistolario e una selezione di edizioni a stampa di raccolte poetiche sue e di altri autori, queste ultime spesso vergate con dediche autografe. Tra i corrispondenti dell'epistolario figurano, tra gli altri, i nomi di Giorgio Bàrberi Squarotti, Franco Contorbia, Pusek Dubravko, Luciano Erba, Giampiero Neri, Franco Pusterla, Silvio Ramat, Jean Robaey.
Gabriele Zani ha esordito in versi nel 1984 con la plaquette Monolocale, con presentazione di Renato Turci (Maggioli, Rimini). Le successive pubblicazioni, in riviste e opuscoli fuori commercio, sono confluite in I rimanenti, con una nota di Giovanni Raboni (peQuod, Ancona 2001). Seguono, per le stesse edizioni, Finestre di via Paradiso, con presentazione di Giampiero Neri (2008) e, per le edizioni Interlinea di Novara, Riunione di famiglia (1982-2012), con una nota di Jean Robaey (2012) e Case finali, con nota introduttiva di Giampiero Neri (2016).

Centro per gli studi sulla tradizione manoscritta di autori moderni e contemporanei
Strada Nuova 65 – 27100 Pavia, tel.: +39 0382 984483, fax: +39 0382 984641
mailto:fondo.manoscritti@unipv.it

Aggiornamenti a cura di Gabriele Rossini