Il nostro sito utilizza cookie tecnici necessari a rendere semplice l'uso dei nostri servizi ai nostri visitatori. Vengono inoltre utilizzati link e componenti di terze parti che potrebbero a loro volta generare cookie dei quali non possiamo essere responsabili. Premere su 'OK' oppure continuare la navigazione nel nostro sito comporterà la prestazione del consenso all'uso dei Cookie. Per saperne di più.

Accetta
Biblioteche d'autore.jpg

Novità e informazioni

Scrittore, saggista, traduttore dall’inglese, giornalista (Milano 1922 - Roma 1990)

Laureato in scienze politiche all’Università di Pavia, insegna per qualche anno nelle scuole medie superiori; assistente di letteratura inglese presso l’Università di Roma, si dimette nel 1971. Esordisce con il romanzo Hilarotragoedia nel 1964, l’anno successivo alla consacrazione palermitana del Gruppo ’63. E’ stato tra i redattori della rivista “Grammatica”. Collaboratore di vari giornali e settimanali, è stato consulente editoriale di Einaudi, Adelphi e Mondadori; con Dante Isella ha fondato e diretto la Fondazione Pietro Bembo. Ha tradotto Poe, Eliot, O. Henry, Chapman. Della sua corposa produzione narrativa e critica si ricordano Nuovo commento (1969), Agli dei ulteriori (1972), A e B (1975), Sconclusione (1976), Pinocchio: un libro parallelo (1977), Centuria (1979), Amore (1981), Dall’inferno (1985), Laboriose inezie (1986), Rumori o voci (1987), Improvvisi per macchina da scrivere (1989), La palude definitiva (1991).

Costituita da più di 15.000 volumi, di cui cui 11.500 catalogati, la biblioteca privata dello scrittore Giorgio Manganelli, giunta per donazione al Centro Manoscritti tra il 1990 e il 1991, testimonia la straordinaria vastità e varietà di interessi dello scrittore: assai ricche sono le sezioni della letteratura italiana (dal Due al Novecento), inglese e americana (settori molto consistenti), latina e greca, francese, tedesca, spagnola e ispanoamerica, portoghese, russa, araba e orientale. Ben rappresentate le aree della storia, filosofia, politica, sociologia, antropologia, storia delle religioni, psicologia, psicoanalisi, musica e storia dell’arte. Cospicua la presenza di collane, dizionari e opere di consultazione. Oltre ad alcune decine di volumi antichi, il Fondo Manganelli raccoglie una straordinaria quantità di libri rari, in particolare prime edizioni del '900. Moltissimi volumi della biblioteca sono arricchiti e impreziositi da segni di lettura, postille autografe dello scrittore e dediche degli autori. (cfr. la sezione Vetrina della rivista “Autografo” n. 45 (2011): Federico Francucci, L’archivio Giorgio Manganelli al Fondo Manoscritti dell’Università di Pavia. Le carte, i libri, i quaderni, pp. 221-237).

Vai al catalogo:

Opere di consultazione
Testi e saggi di letteratura italiana del XIII secolo
Testi e saggi di letteratura italiana del XIV secolo
Testi e saggi di letteratura italiana del XV secolo
Testi e saggi di letteratura italiana del XVI secolo
Testi e saggi di letteratura italiana del XVII secolo
Testi e saggi di letteratura italiana del XVIII secolo
Testi e saggi di letteratura italiana del XIX secolo
Testi e saggi di letteratura italiana del XX secolo
Testi e saggi di letteratura latina
Testi e saggi di letteratura francese
Testi e saggi di letteratura inglese e anglo-americana
Testi e saggi di letteratura tedesca
Testi e saggi di letteratura russa
Testi e saggi di letteratura spagnola e ispano-americana
Testi e saggi di storia
Testi e saggi di storia della filosofia
Testi e saggi di storia dell'arte
Saggistica linguistico-letteraria in generale
Testi in edizione Adelphi
Testi in edizione Sellerio
Collana Biblioteca Universale Laterza
Collana Biblioteca Universale Rizzoli
Collana Piccola Biblioteca Einaudi
Altre opere raccolte in collana

Salva

Salva

Centro per gli studi sulla tradizione manoscritta di autori moderni e contemporanei
Strada Nuova 65 – 27100 Pavia, tel.: +39 0382 984483, fax: +39 0382 984641
mailto:fondo.manoscritti@unipv.it

Aggiornamenti a cura di Gabriele Rossini